venerdì, Giugno 14, 2024
Social icon element need JNews Essential plugin to be activated.

[ad_1]

Il 14 luglio, gli sviluppatori del protocollo cinese a catena incrociata Multichain da 1,5 miliardi di dollari hanno confermato le peggiori paure degli utenti. L’amministratore delegato del protocollo, identificato solo come “Zhaojun He”, è stato arrestato dalle autorità cinesi a Kunming il 21 maggio dopo mesi di ripetute smentite sui canali di comunicazione ufficiali. Presumibilmente arrestato anche il team principale di Multichain, che operava a Shanghai.

Non è mai stato rivelato il motivo per cui Zhaojun fosse stato arrestato o quali fossero le accuse. Tuttavia, le prove suggeriscono che i fondi Multichain potrebbero essere stati sequestrati come parte di un’operazione antiriciclaggio nel contesto di una maggiore repressione sulle criptovalute da parte delle autorità cinesi. Inoltre, un presunto documento d’identità falso utilizzato dal CEO per registrare le operazioni di Multichain non fa altro che suscitare ulteriori domande.

Il 24 maggio il cofondatore di Multichain Alfred Xu ha assicurato che il team di sviluppo stava “bene” Fonte: Telegramma

Le vittime chiedono risposte

Nonostante la precedente garanzia di decentralizzazione, il team Multichain ha rivelato che i server di calcolo multipartitico e le chiavi private del protocollo erano tutti sotto il controllo esclusivo di Zhaojun, che è stato consegnato alla polizia. Senza l’accesso a tali elementi, il protocollo ha dovuto chiudere e i membri del suo team non si trovavano da nessuna parte.

Al momento della divulgazione, il 14 luglio, il valore totale bloccato sul ponte Multichain rimane inaccessibile per 1,5 miliardi di dollari. Un attestatoIl tentativo di “salvare” le risorse degli utenti all’inizio di quel mese ha portato anche all’arresto della sorella di Zhaojun, o almeno così dice il team di sviluppo. Dall’inizio dell’arresto, i fondi su Multichain sono stati misteriosamente scambiati o trasferiti su portafogli non identificati.

L’investitore di criptovalute ArkRide, che afferma di avere oltre 9.000 dollari bloccati nel protocollo Multichain, ha fondato un gruppo di vittime poco dopo l’incidente. Il gruppo conta oggi più di 300 membri.

ArkRide ha riferito a Cointelegraph che quando il gruppo si è formato, i membri non conoscevano nemmeno i nomi dei dirigenti chiave di Multichain. Successivamente, un membro ha condiviso un documento dell’Autorità contabile e di regolamentazione aziendale del governo di Singapore, ritenuto essere un documento aziendale multichain. Il documento elenca “He Xiaokun”, residente nella provincia di Jiangsu, in Cina, come “direttore” della società. Dopo aver visto questo documento, alcuni sostengono che “Zhaojun He” sia in realtà uno pseudonimo di “He Xiaokun”. (I cognomi cinesi vengono scritti per primi.)

Un documento commerciale di Singapore per la principale entità commerciale dietro Multichain. Fonte: Telegramma

Diverse vittime di Multichain si sono rivolte alle ambasciate cinesi e alla polizia nei loro paesi d’origine nel tentativo di ottenere ulteriori informazioni, ma non hanno ricevuto risposta.

Nello stesso periodo delle indagini sugli utenti, sono stati contattati dalla Fondazione Fantom, uno dei maggiori utenti del ponte Multichain prima del suo crollo. Attraverso diversi messaggi di Telegram, fonti di Fantom hanno affermato di aver assunto avvocati in Cina per assistere nel processo di recupero e hanno confermato che il co-fondatore di Multichain Zhaojun è stato arrestato dalla polizia cinese.

“Abbiamo raccolto informazioni da diverse parti e abbiamo contattato uno studio legale cinese per ottenere consigli su come procedere”, la fonte ha inoltre affermato che alcuni dei fondi Multichain sono stati congelati da scambi centralizzati ed emittenti di stablecoin e che la fondazione sta tentando di distribuire questi fondi alle vittime. Alla domanda sulla possibilità di un ritiro del tappeto, la fonte ha scritto: “Non credo che il team MC si sia appropriato indebitamente di fondi”.

Il 14 luglio, il co-fondatore di Fantom Andre Cronje ha dichiarato che “Multichain è stato un duro colpo” per la rete, poiché gran parte del suo valore totale bloccato era costituito da stablecoin derivati ​​​​Multichain. Secondo i dati blockchain, gli emittenti di stablecoin Circle e Tether hanno congelato oltre 65 milioni di dollari in asset associati all’hacking.

Cointelegraph ha contattato la Fantom Foundation per commenti, ma non ha ricevuto risposta al momento della pubblicazione.

In una conversazione con Cointelegraph, il creatore di contenuti freelance PJ Krypto ha affermato di aver perso lo stipendio di un mese intero da un cliente a causa del fatto che i suoi fondi sono rimasti bloccati nel protocollo Multichain. Secondo lui, ciò è avvenuto il 1° agosto, quasi un mese dopo che il team aveva annunciato che il protocollo non avrebbe dovuto essere utilizzato.

L’interfaccia utente di Multichain non ha fornito alcun avviso che non dovesse essere utilizzato. (23 agosto 2023)

Dopo che il suo trasferimento ha richiesto un tempo insolitamente lungo, PJ ha controllato il block explorer di Multichain e ha notato che aveva una quantità anormalmente grande di transazioni in sospeso. Allarmato, ha poi controllato gli account dei social media del protocollo.

“Sono quasi rimasto a bocca aperta quando ho iniziato a leggere tutto”, ha affermato, continuando:

“Non lo so, immagino che a volte ti metti semplicemente a tuo agio. Hai già usato qualcosa in passato e funziona. E diventi un po’ apatico, e penso che sia per questo che mi sono ritrovato vittima […] la cosa stupida è che avrei potuto semplicemente inviarlo a un exchange centralizzato.”

Il creatore di contenuti ha dichiarato che il suo stipendio è ancora bloccato nel protocollo Multichain. Di conseguenza, non è stato in grado di pagare la sua squadra per il lavoro in subappalto svolto per lui a luglio e probabilmente dovrà recuperare questi pagamenti con le entrate a partire da agosto. “È stata una pillola difficile da ingoiare per loro. Voglio dire, hanno le bollette, giusto? E ora sono indietro con le bollette per la creazione di contenuti.”

ArkRide ha perso oltre 9.000 dollari in criptovalute in Multichain il 15 luglio in circostanze simili. Ha espresso sollievo per il fatto che la sua perdita a causa dell’hacking sia stata piccola e ha affermato di aver incontrato altri a cui è andata molto peggio:

“L’importo che ho perso su Multichain non è tanto quanto quello perso da alcune persone con cui ho parlato perché c’erano persone che hanno perso quasi mezzo milione. Ho parlato con un paio di ragazzi che hanno perso circa 100.000 dollari ciascuno, e c’erano alcune persone che letteralmente non riuscivano ad alzarsi dal letto, mi hanno detto che volevano suicidarsi o qualcosa del genere.

L’indagine continua

Il sistema di identificazione nazionale cinese rivela informazioni riguardanti chi è l’attuale direttore di Multichain. Un documento d’identità nazionale cinese è un numero di 15 o 18 cifre contenente la giurisdizione di residenza, la data di nascita e il sesso di un individuo.

Un’interrogazione ha rivelato che l’individuo elencato come “He Xiaokun” nei documenti di registrazione di Multichain a Singapore è nato il 10 maggio 1955. La stessa ricerca di “Yang Qiumei”, un altro direttore elencato nel file di registrazione di Multichain, rivela che il suddetto individuo era nato il 20 luglio 1957. Xu Ruduo, il terzo direttore di Multichain – forse riferendosi al co-fondatore Alfred Xu – si è registrato utilizzando un diverso tipo di ID. Alfred Xu è irraggiungibile dall’arresto del suo collega.

La query di ricerca dell’ID ha rivelato che “He Xiaokun”, un individuo elencato come direttore di Multichain, ha attualmente 68 anni e vive in un villaggio nel Jiangsu. Fonte: ricerca ID

A prima vista, Zhaojun sembra troppo giovane per adattarsi al profilo di “He Xiaokun”, 68 anni, o di Yang Qiumei, 66 anni. Entrambi gli individui erano stati indicati come residenti allo stesso indirizzo in un villaggio rurale cinese.

Una foto di Zhaojun è circolata durante la sua partecipazione al progetto crittografico Fusion, intorno al 2017, e in precedenza era la sua immagine del profilo del suo account Twitter ufficiale. Dejun Qian, co-fondatore di Fusion, confermato Zhaojun era a capo di Multichain al momento dell’incidente. I due erano stati precedentemente coinvolti in una controversia commerciale riguardante Multichain, quando precedentemente era noto come Anyswap.

Zhaojun He elencato nel team di sviluppatori di Fusion. La sua biografia recita: “Motre di 10 anni di esperienza nella ricerca e sviluppo sicura di Linux. Ex direttore tecnico del principale sistema operativo di sicurezza cinese. Ha conseguito la laurea in ingegneria del software, Università della Tecnologia di Dalian. Fonte: Fusione

Fonti esaminate da Cointelegraph affermano che fin dall’inizio (21 maggio), le autorità cinesi hanno accusato Zhaojun di “riciclaggio di denaro” collegando risorse contaminate agli utenti tramite il protocollo Multichain. Di conseguenza, la polizia ha tentato di sequestrare tutti i beni del protocollo, utenti, aziende o allo stesso modo contaminati, come proventi di reato. Sebbene alcuni di questi sequestri siano stati evitati quando gli scambi centralizzati o gli emittenti di stablecoin hanno congelato i fondi, il resto è passato nelle mani delle autorità cinesi, sostengono queste fonti.

Wuwei Liang, ex membro dello staff dell’exchange di criptovalute CoinXP, afferma che nel 2019 l’intero team di sviluppo dell’azienda è stato arrestato dalla polizia cinese, con conseguente confisca dei fondi del protocollo e chiusura di tutte le operazioni rilevanti. Liang Liang, amministratore delegato dell’azienda, è stato successivamente accusato di aver gestito una “operazione di marketing multi-livello” e uno “schema piramidale”, che potrebbe comportare il sequestro penale dei beni degli utenti del progetto e dell’impresa in caso di condanna.

Durante il processo di luglio, alcune fonti sostengono che i testimoni chiave e gli avvocati della difesa siano stati minacciati di intimidazione legale. Un giudice che presiede il tribunale avrebbe inoltre affermato che “la presunzione di innocenza fino a prova contraria” non è “un principio corretto” all’interno della legge cinese. Il processo è stato aggiornato.

Partecipanti al processo CoinXP presumibilmente arrestati dalla polizia | Fonte: Liang Liang

In un incidente simile avvenuto il 29 maggio, l’exchange di criptovalute cinese BKEX ha sospeso i prelievi citando la necessità di collaborare con la polizia con l’accusa di “riciclaggio di denaro”. Da allora l’exchange non è più attivo e, come Multichain, i membri del suo team non si trovano da nessuna parte. Anche i canali social si sono raffreddati. Anche il suo sito web è offline.

L’ultimo messaggio dell’exchange di criptovalute BKEX agli utenti prima di sospendere i prelievi.

In un altro incidente, l’intero team di sviluppo della Trust Reserve, emittente di stablecoin offshore di dollari di Hong Kong e yuan cinesi, è scomparso a maggio dopo che il suo ufficio era stato perquisito dalla polizia. Fonti locali dicono che gli sviluppatori della Trust Reserve sono stati arrestati. Ancora una volta, le accuse sono sconosciute.

Accuse di corruzione

In ciascuno di questi casi, la polizia non ha informato gli investitori delle accuse contro gli sviluppatori del protocollo né del processo che gli investitori possono seguire per recuperare i propri fondi. Liang di CoinXP sostiene che ciò è dovuto al fatto che la polizia utilizza il sistema legale come mezzo di corruzione per appropriarsi indebitamente del capitale degli investitori a proprio vantaggio:

“Gli avvocati difensori convincerebbero le parti e le loro famiglie [of arrested crypto executive] conformarsi, chiudere i server, consegnare [private] chiavi, e cooperare nel dichiararsi colpevole, sostenendo che ciò comporterà clemenza. Non sanno che ciò rende facile per le forze dell’ordine trarre profitto da condotte illecite, spingendo “legalmente” i partiti verso il carcere e, allo stesso tempo, sottraendo “legalmente” le risorse digitali che appartengono agli utenti, agli investitori e ai fondatori. squadra.”

Qualunque sia la ragione, il governo cinese non ha ancora risposto alle domande degli investitori su dove siano finiti i fondi e perché non siano stati restituiti agli utenti.

Utenti come ArkRide, PJ Krypto e altri nel gruppo “Multichain Scam” non sono stati finora in grado di ottenere risposte su dove siano finiti i loro soldi duramente guadagnati. Ma una cosa è certa: l’exploit Multichain verrà ricordato come uno dei peggiori attacchi crittografici del 2023. In tutto il mondo, le risorse degli utenti Multichain sono misteriosamente scomparse. Sebbene una parte dei fondi possa essere recuperata, molti stanno ancora sperimentando il trauma che ciò ha causato loro.

Zhiyuan Sun, redattore di Cointelegraph, ha contribuito a questa storia.

Magazine: Dovremmo vietare i pagamenti di ransomware? È un’idea attraente ma pericolosa