Interactive Brokers, una delle più grandi società di brokeraggio al mondo, ha aperto il trading di criptovalute per i clienti al dettaglio a Hong Kong.

You might also like

Secondo l’annuncio del 28 novembre, il servizio è offerto in collaborazione con OSL, uno dei primi scambi di criptovalute a ricevere un Virtual Asset Service Provider (VASP) a Hong Kong. “Gli investitori al dettaglio di Interactive Brokers a Hong Kong hanno ora accesso immediato al trading di asset digitali attraverso un’unica piattaforma unificata alimentata da OSL”, hanno scritto gli sviluppatori.

Secondo il suo sito web, i clienti di Interactive Brokers a Hong Kong possono detenere Bitcoin (BTC) o Ether (ETH) nei loro conti personali insieme ad azioni, derivati, materie prime, forex e altri asset. Ad ogni operazione viene addebitata una commissione compresa tra lo 0,20% e lo 0,30% del valore della transazione.

La settimana scorsa, Cointelegraph ha riferito che Interactive Brokers aveva ricevuto una licenza per il trading di asset virtuali al dettaglio a Hong Kong. Tuttavia, al momento la licenza garantisce all’azienda solo la capacità di intermediare operazioni in Bitcoin ed Ether.

Il 14 novembre, BC Technology Group, di proprietà dell’exchange OSL, ha annunciato di aver ricevuto un investimento azionario di 90 milioni di dollari dalla società blockchain BGX. L’azienda aveva precedentemente preso in considerazione la vendita della borsa OSL per 1 miliardo di dollari di Hong Kong, ovvero 128 milioni di dollari.

Sebbene Hong Kong sia stata una delle prime giurisdizioni a rilasciare licenze per gli scambi di criptovalute, lo slancio è stato in qualche modo soffocato da una serie di scandali sugli scambi. A settembre, JPEX, uno dei più grandi scambi di criptovalute della regione, è crollato, provocando 66 arresti e perdite stimate per 1,6 miliardi di dollari di Hong Kong (205 milioni di dollari). Il 25 novembre, Hounax, un altro exchange di criptovalute senza licenza di Hong Kong, avrebbe truffato 145 residenti su 148 milioni di HKD (18,9 milioni di dollari) attraverso un presunto schema Ponzi.

Correlati: le autorità di Hong Kong affermano che 145 vittime, 18,9 milioni di dollari persi nella truffa di Hounax