venerdì, Giugno 14, 2024
Social icon element need JNews Essential plugin to be activated.

[ad_1]

Un funzionario del governo cinese è stato condannato all’ergastolo per operazioni commerciali illegittime legate alla gestione di un’impresa mineraria di Bitcoin (BTC) da 2,4 miliardi di yuan cinesi (329 milioni di dollari) e per accuse non correlate di corruzione.

Secondo quanto riportato dai media locali, il 22 agosto il Tribunale intermedio del popolo della città di Hangzhou ha condannato Xiao Yi, ex membro del gruppo del Partito della Conferenza consultiva politica provinciale dello Jiangxi e vicepresidente, all’ergastolo per corruzione e abuso di potere.

Le accuse di corruzione derivano da attività di corruzione non legate alle criptovalute dal 2008 al 2021. Le accuse di abuso di potere, risalenti al 2017 al 2021, derivano dalla fornitura di sussidi finanziari ed elettrici a Jiumu Group Genesis Technology, una società con sede nella città di Fuzhou che ad un certo punto gestiva più di 160.000 macchine minerarie Bitcoin.

I pubblici ministeri affermano che Yi ha “coperto” l’operazione mineraria ordinando ai dipartimenti competenti di fabbricare rapporti statistici e modificare la classificazione del consumo di elettricità. Dal 2017 al 2020, il consumo di elettricità di Jiumu ha rappresentato il 10% del consumo totale di elettricità di Fuzhou. “Yi si è dichiarato colpevole e si è pentito, ha restituito attivamente i fondi rubati e tutte le tangenti e i loro profitti sono stati sequestrati”, ha scritto il magistrato al potere del Tribunale popolare di Hangzhou.

Attualmente, la Cina vieta tutte le forme di transazioni di criptovaluta, operazioni di scambio e onboarding fiat-to-crypto, ma si è fermata prima di vietarne la proprietà diretta. In una decisione del 3 agosto, un tribunale cinese ha stabilito che un contratto di prestito di Bitcoin da 10 milioni di dollari non era valido in base al divieto di Bitcoin del paese senza possibilità di recupero legale del debito. Il 14 agosto, un cittadino cinese è stato condannato a nove mesi di prigione per aver aiutato un conoscente ad acquistare Tether (USDT), ricavando dalla transazione un profitto di 20 dollari.

L’ex funzionario del governo cinese Xiao Yi attende la sentenza. Fonte: Tribunale popolare intermedio della città di Hangzhou

Rivista: censurato il rapporto sulla “corsa dei tori” delle criptovalute della TV cinese, crisi multichain