venerdì, Giugno 14, 2024
Social icon element need JNews Essential plugin to be activated.

[ad_1]

Sebbene negli Stati Uniti non sia ancora stato stabilito un chiaro quadro normativo per le risorse digitali, PayPal, una delle più grandi società di tecnologia finanziaria americana, ha annunciato il 7 agosto la sua stablecoin di pagamento ancorata al dollaro USA, PayPal USD (PYUSD).

Un portavoce di PayPal ha dichiarato a Cointelegraph che il PYUSD è importante perché l’adozione mainstream delle future esperienze digitali richiederà uno strumento digitale stabile, nativo delle criptovalute e facilmente collegabile a fiat. Nonostante il contesto normativo poco chiaro per le risorse digitali negli Stati Uniti, il portavoce ha dichiarato:

“La nostra esperienza ci dice che i tempi sono maturi per modernizzare e aggiornare l’infrastruttura tecnologica del sistema finanziario e vogliamo aiutare le imprese e i consumatori ad adattarsi e impegnarsi. Questo è il motivo per cui stiamo lanciando una stablecoin PayPal, progettata per eliminare la volatilità dei prezzi riscontrata in altre valute digitali, consentendo pagamenti sicuri”.

La capacità di PayPal di influenzare l’adozione di stablecoin con il suo nuovo progetto è forte, poiché statistiche recenti mostrano che oltre 426 milioni di account PayPal sono attualmente utilizzati attivamente. La società detiene anche una quota di mercato di poco superiore al 50% dell’arena globale di elaborazione dei pagamenti online.

Comprendere il potenziale impatto di PYUSD

Sebbene sia certamente degno di nota il fatto che PayPal abbia lanciato PYUSD, ci sono diverse considerazioni da tenere a mente.

Alex Tapscott, co-fondatore del Blockchain Research Institute e autore di business, ha dichiarato a Cointelegraph che PayPal comprende chiaramente che le stablecoin saranno fondamentali per il futuro dei servizi finanziari e dei pagamenti in particolare. Ha detto che le stablecoin si sono già dimostrate incredibilmente redditizie come business:

“Non sorprende il motivo per cui PayPal e altri potrebbero voler entrare nel mercato. PayPal sta attualmente affrontando una concorrenza più dura nella sua attività di pagamento legacy e sta cercando modi per diversificare in aree a margine più elevato. Le stablecoin sono un adattamento logico e potenzialmente redditizio in un momento in cui il recente rapporto sugli utili di Tether suggerisce che è pronta a registrare un profitto maggiore rispetto a Starbucks, BlackRock e persino a PayPal stesso.

Tuttavia, ci sono sia vantaggi che svantaggi che probabilmente sorgeranno con PYUSD. Uno dei vantaggi più evidenti è che PYUSD può aiutare gli utenti mainstream a entrare nello spazio Web3.

“Il più grande vantaggio di PYUSD è che è più probabile che venga integrato nella nostra economia digitale come strumento di pagamento che le persone comuni possono utilizzare”, ha affermato Tapscott.

Per mettere questo in prospettiva, Pegah Soltani, responsabile dei prodotti per i pagamenti di Ripple, ha dichiarato a Cointelegraph che le stablecoin servono come meccanismo per tokenizzare le valute fiat, come il dollaro USA.

“Tokenizzando una risorsa del mondo reale – in questo caso, fiat – le stablecoin servono ad espandere l’ecosistema crittografico perché queste risorse consentono agli scambi o ai pagamenti nell’economia crittografica di legarsi alla fiat”, ha affermato.

Tuttavia, Soltani ha osservato che PayPal essendo un ecosistema di pagamenti chiuso può solo migliorare l’efficienza per se stesso: “Questo potrebbe non essere rivoluzionario per i consumatori che già sperimentano commissioni relativamente basse e tempi di transazione rapidi durante le transazioni all’interno dell’ecosistema di applicazioni PayPal”.

D’altra parte, Soltani ha affermato che se PayPal incentiva i suoi utenti a utilizzare PYUSD al di fuori del proprio ecosistema, è possibile che la stablecoin guadagnerà più quote di mercato in tempi relativamente brevi. Sebbene PYUSD sia stato lanciato di recente, alcuni scambi di criptovalute globali, come Changelly, hanno dichiarato che lo elencheranno.

È anche importante notare che milioni di utenti si affidano a PayPal per le transazioni finanziarie. Soltani ha affermato che una delle potenziali insidie ​​di una stablecoin è che non è un sistema affidabile.

“Richiede all’acquirente di fidarsi dell’emittente per garantire che il proprio denaro sia effettivamente garantito 1:1. Poiché PayPal è un marchio ben noto, c’è il potenziale per una maggiore fiducia percepita per coloro che entrano in questo spazio per la prima volta”, ha spiegato.

Sebbene tutti questi aspetti siano degni di nota, non dovrebbe sorprendere il fatto che una delle maggiori preoccupazioni relative a PYUSD sia la mancanza di chiarezza normativa per le risorse digitali negli Stati Uniti.

“PayPal ha scelto un momento molto interessante per lanciare una stablecoin, data la mancanza di chiarezza normativa sulla crittografia e le sfide che presenta per l’intero spazio crittografico”, ha affermato Soltani.

L’emissione e la custodia di PYUSD sono gestite da Paxos, un depositario qualificato regolamentato dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York. Margaret Rosenfeld, chief legal officer di Cube Exchange, uno scambio di asset digitali che verrà lanciato in Australia, ha dichiarato a Cointelegraph che ciò significa che gli asset devono essere tenuti in un trust remoto in caso di fallimento, in conti completamente segregati. “Paxos, non PayPal, detiene le risorse a sostegno della stablecoin”, ha affermato.

Rosenfeld ha inoltre affermato che mentre Paxos ha ricevuto un avviso Wells dalla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti nel febbraio 2023 in relazione alla stablecoin Binance USD (BUSD), è da notare che una società di fintech veterana come PayPal ha ancora una partnership con Paxos.

“Ciò dimostra i forti venti contrari dell’adozione da parte della finanza tradizionale delle risorse digitali negli Stati Uniti. Ciò diventa importante poiché le banche statunitensi continuano a subire pressioni da parte delle autorità di regolamentazione federali per evitare i cosiddetti rischi delle risorse digitali”, ha osservato.

Regolamenti a parte, Tapscott ritiene che PayPal debba affrontare un ulteriore svantaggio con PYUSD a causa di altre stablecoin lanciate molto prima. “Inizialmente, PYUSD avrà una liquidità inferiore e meno funzionalità rispetto a concorrenti più affermati. Tether e Circle insieme controllano quasi il 100% del mercato e Tether, in particolare, è dominante a quasi l’80% “, ha affermato.

Inoltre, potrebbe essere preoccupante anche il fatto che PYUSD si basi sulla rete Ethereum per le transazioni.

Mark Heynen, vicepresidente dello sviluppo aziendale presso la Stellar Development Foundation, ha dichiarato a Cointelegraph che, sebbene incredibilmente popolare, Ethereum non è fondamentalmente una rete creata per i pagamenti.

“Il costo e la scalabilità potrebbero finire per essere distrazioni nella ricerca di PayPal verso l’adozione”, ha affermato.

Detto questo, Soltani ha osservato che sarebbe interessante per PayPal emettere la sua stablecoin su più catene andando avanti.

PayPal rialzista sulla tecnologia blockchain e sugli asset digitali

Sebbene sia troppo presto per comprendere appieno l’impatto che PYUSD avrà sull’ecosistema Web3, una cosa rimane certa: PayPal continuerà a innovare. Il portavoce della società ha dichiarato:

“Continueremo a fornire i prodotti e i servizi necessari per migliorare la salute finanziaria e ampliare le opportunità economiche nella nuova era digitale. Ciò include le nuove funzionalità abilitate dalle risorse digitali che utilizzano la tecnologia blockchain, comprese le valute digitali e le stablecoin.