Secondo Shanghai Securities News, la città di Shenzhen trasmetterà 30 milioni di yuan cinesi digitali (e-CNY) ai residenti locali nel tentativo di rivitalizzare la spesa dei consumatori.

L’airdrop è uno sforzo congiunto tra la città di Shenzhen e Meituan Dianping, la principale app cinese per la consegna di cibo. Secondo le istruzioni, gli utenti dovrebbero prima accedere all’app Meituan, iscriversi all’incentivo e quindi potenzialmente ricevere i premi e-CNY come parte di un’estrazione della lotteria.

Se scelto, l’e-CNY viene quindi distribuito agli utenti e può essere speso in oltre 15.000 terminali commerciali in-app che accettano la valuta digitale di proprietà dello stato. In precedenza, la People’s Bank of China aveva identificato l’e-CNY come un potenziale strumento per far avanzare le economie regionali e migliorare l’efficienza di servizi finanziari selezionati. Nel frattempo, fonti di Meituan affermano che l’e-CNY svolge un ruolo fondamentale nell’aumento della spesa e nel rilancio delle imprese locali. Shenzhen è anche una delle tre città della Cina dove i residenti possono pagare le tasse e le tasse municipali con l’e-CNY.

Correlati: Progetto di legge per vietare lo yuan digitale cinese dagli app store statunitensi

A differenza di molti altri paesi, la Cina ha rigorosamente rispettato una politica zero-COVID che ha visto il blocco ripetuto e la chiusura di attività non essenziali nei principali hub finanziari come Shanghai. Mercoledì scorso, il premier cinese Li Keqiang ha tenuto un incontro di emergenza con i massimi funzionari del Partito Comunista per discutere dei devastanti impatti economici della politica COVID del paese. Tra le carenze economiche, 20 province cinesi su 31 hanno emesso “incentivi alla spesa dei consumatori”, come il recente airdrop e-CNY, da gennaio ad aprile.